Ogni quanto si cambiano accappatoi e asciugamani

Il nostro letto, gli asciugamani e l’accappatoio possono facilmente diventare un vero e proprio terreno di coltura per funghi e batteri, proprio per questa ragione è essenziale lavarli nel modo corretto, e soprattutto con la giusta frequenza.

Una ricerca recente svolta in Gran Bretagna ha dimostrato che i britannici cambierebbero la biancheria da letto solo quattro volte durante l’anno; una frequenza certamente troppo bassa, e che rischia di trasformare il nostro letto in un ambiente malsano e pericoloso nel quale passare la notte.

In questa guida scopriamo perché è importante pulire di frequenti questi prodotti, e ogni quanto provvedere a questa essenziale operazione. 

 

Quando si cambiano le lenzuola 

 

A letto trascorriamo una buona parte della nostra vita, ed è quindi importante garantire di riposare all’interno di un ambiente igienico, sicuro e confortevole. Mantenere pulite federe e lenzuola è quindi una buona pratica, da svolgere almeno una volta ogni settimana. 

Il corpo umano produce ogni anno più di 20 L di sudore, che viene depositato nelle nostre lenzuola, insieme a cellule morte e capelli. Grazie a recenti studi al riguardo, sono stati scoperti circa 17 funghi diversi che si formano proprio nel nostro letto a causa di una scarsa igiene. 

In modo particolare i nostri cuscini, perché non si devono lavare solo le federe, ma anche il cuscino, in maniera meno frequente ma comunque si tratta di un gesto importante. Mentre dormiamo il nostro viso è infatti a diretto contatto con il cuscino, e se ci svegliamo spesso con un raffreddore anomalo, la causa potrebbe proprio essere la federa sporca e piena di batteri.

Non è un discorso piacevole da fare, ma considerando l’importanza di mantenere le lenzuola ben pulite, è bene lavarle in lavatrice a 60°C ogni settimana. In aggiunta ai nostri consigli, vi proponiamo un articolo interessante e molto utile, dove trovate altre informazioni che riguardano proprio l’importanza di pulire le vostre lenzuola al meglio.

 

Quando si cambiano accappatoio e asciugamani

 

Passiamo ora alla biancheria da bagno, altrettanto importante da tenere pulita perché altrimenti, come nel caso delle lenzuola, si rischia di creare un ambiente favorevole alla proliferazione di pericolosi batteri.

Per prima cosa, dopo esservi fatti la doccia o lavati le mani, accappatoio e asciugamani tendono a rimanere umidi, ed è proprio questo il pericolo numero uno per la biancheria da bagno. La soluzione migliore è quella di esporre al sole l’accappatoio dopo averlo utilizzato, e lo stesso vale per gli asciugamani, che basta stendere.

Sembra sorprendente, ma la frequenza consigliata per il lavaggio della biancheria da bagno supera nettamente quella da letto. L’accappatoio o il telo, che si utilizza per asciugarsi dopo aver fatto la doccia o il bagno, deve essere cambiato dopo tre o massimo quattro volte, mentre la salvietta per il viso una volta al giorno, così come gli asciugamani per il bidet e per le mani. 

Nel caso dell’accappatoio, se non ricordate sempre la frequenza con la quale lo usate, cercate di lavarlo in lavatrice almeno ogni dieci giorni, mentre il resto della biancheria da bagno almeno due volte a settimana.

 

Quando sostituire definitivamente asciugamani e accappatoi

 

Se l’accappatoio o l’asciugamani non compie più il suo dovere e ha un aspetto rovinato, è venuto il momento di cambiarlo. La soluzione migliore è quella di avere a casa almeno un accappatoio di ricambio, mentre per lenzuola, federe e asciugamani ne servono molti di più.

In commercio si trovano tante soluzioni per acquistare set completi per un maggiore risparmio. Fate sempre attenzione ai materiali e alle dimensioni, ma se siete già affezionati di un marchio in particolare, sapete già cosa cercare.

In caso contrario, se siete alla ricerca di un nuovo set di biancheria da letto, accappatoi o asciugamani, date un’occhiata al sito momentosilenzioso.com, dove trovate alcune tra le migliori proposte sul mercato.

Vecchie lenzuola, federe e asciugamani possono poi trasformarsi in pezze da usare per la pulizia di casa, se ovviamente il loro tessuto lo permette. Per la migliore pulizia della vostra biancheria da bagno e da letto vi consigliamo di seguire sempre le indicazioni riportate sulla loro etichetta, in maniera tale da non rovinare i materiali prima del dovuto. 

Fate una ricerca online se desiderate igienizzare lenzuola e accappatoi con detersivi naturali, o perché no, creando delle miscele fai da te da usare comodamente in lavatrice. 

 

Author: Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *