Turisti a Roma: i numeri, la crescita, il via alle vacanze (in ritardo)

turisti-a-roma

Previsioni con il segno meno per l’estate 2019 del Belpaese. Secondo Assoturismo Confesercenti, infatti, per le vacanze estive è previsto un calo di presenze rispetto al 2018 di circa 2 milioni di turisti. Le stime prevedono infatti 205 milioni di presenze nel periodo tra giugno e agosto rispetto ai circa 207 milioni di un anno fa.

Un dato al ribasso quindi che, dopo anni di crescita costante, segna un’inversione di tendenza per il turismo in Italia. Diverse le motivazioni: da un clima incerto, che ha già condizionato la stagione primaverile, a una rapida ripresa delle mete internazionali, in particolare del Mediterraneo Meridionale e dell’Asia; a ciò va aggiunto l’affermazione delle sempre ambite isole Greche e delle vicine Spagna e Croazia; ma per il Codacons anche l’aumento dei prezzi ha frenato l’arrivo di turisti in Italia e ha fatto abbassare le prenotazioni per questa estate. I dati sembrano quindi penalizzare le località turistiche della penisola, ma non per tutte il trend è negativo.

Roma non perde mai il suo fascino

Mentre le previsioni sembrano non lasciare scampo a un’estate al ribasso, con una flessione negativa di visitatori soprattutto al Sud e nelle Isole, c’è una città che non perde mai consensi e che continua ad avere un grande successo di pubblico. È Roma, che con la sua storia, la sua cultura, i musei, i siti archeologici, le sue piazze, le sue basiliche continua a essere una delle località d’Italia più ambite e visitate.

L’Eterna Urbe, come la definì il poeta latino del I secolo a.C. Albio Tibullo, si sta confermando anche nel 2019 la meta culturale preferita dai turisti di tutto il mondo. Assoturismo ha decretato la capitale la città d’arte con il maggior numero di visitatori in Italia nel 2018, seguita da Milano al secondo posto e da Firenze al terzo.

I numeri della crescita

I risultati dell’anno passato sul turismo, nella città capitolina, rilevano un trend in costante crescita: sono 15,2 milioni le persone transitate in città, 36,6 milioni le prenotazioni di alberghi, hotel e strutture ricettive con un aumento di 1,1 milioni rispetto al 2017. A farla da padrona, sempre secondo Assoturismo, sono soprattutto i turisti stranieri che per il 54% provengono da paesi dell’Unione Europea e per il 46% invece da fuori Europa.

Dal 2010 al 2018 è stato registrato un aumento di 10,1 milioni di viaggiatori che hanno scelto Roma come meta preferita; si è passati da 26,5 milioni di visitatori a 36,6 milioni, con un’impennata del 22,9% delle visite presso gallerie d’arte, musei e siti archeologici.

Da sottolineare poi l’aumento di visitatori dall’America Latina, che si può ricondurre alla presenza del primo papa sudamericano della storia, Papa Francesco. È comunque eterogeneo il quadro della crescita dei paesi di provenienza di chi decide di venire a godersi le bellezze artistiche della Città Eterna. Le presenze dagli Stati Uniti sono aumentate del 42,1%, a seguire la Germania con un + 32% e il Regno Unito che ha fatto registrare un +28,3%.

Roma capitale dell’arte e della cultura

Sono tante le opportunità che offre la capitale a chi ha deciso di visitarla. Se volete fare un salto indietro nella storia fino all’imperatore Vespasiano che governò Roma dal 69 al 79, potete andare a vedere il Colosseo. L’anfiteatro Romano, che poteva contenere fino a 50.000 spettatori, è stato il palcoscenico di giochi sanguinosi, di grandi parate di caccia e dei famosi combattimenti tra gladiatori. Posizionato nel centro storico della città, l’Anphitheatrum Flavlum, come veniva chiamato dagli antichi Romani, negli ultimi 10 anni è stato visitato da ben oltre 60 milioni di persone.

Se volete continuare il viaggio nella storia con lo stesso biglietto del Colosseo potete andare al Foro Romano e al Colle Palatino. Posizionato al centro della città il Foro è un vero e proprio luogo di glorificazione degli imperatori. Della fila di 7 colonne, erette per onorare figure importanti dell’antica Roma, potrete vedere l’unica rimasta in piedi dedicata all’imperatore Foca, il cui nome viene ricordato per avere donato al papa il Pantheon.
Il Colle Palatino invece è uno dei 7 colli di Roma più famosi e importanti; la leggenda narra che proprio qui Romolo e Remo furono allevati all’interno di una caverna da una lupa e che su questo colle venne fondata Roma.

Il solo Parco Archeologico del Colosseo che comprende l’Anfiteatro Flavio, il Foro Romano e il Colle Palatino ha fatto registrare in due anni dal 2016 una crescita record di oltre due milioni di visitatori, attestandosi a quota 7,4 milioni.

Ci sono poi altri luoghi di grande fascino e interesse da non perdere:

  • le piazze: Piazza Venezia, con il Monumento a Vittorio Emanuele II; Piazza del Capidoglio, progettata da Michelangelo; Piazza del Popolo, tra le più estese di Roma; Piazza di Spagna, con la sua lunga scalinata di 135 gradini, punto di sosta per la gente locale, ma anche per molti turisti che si siedono per ammirare la splendida fontana della Barcaccia; Piazza Navona, con la sua forma che ricorda quella di un antico stadio, le sue tre fontane e l’alto obelisco.
  • Situato nel centro storico non si può non andare a visitare il Pantheon con la sua grande cupola, che ospita al suo interno le tombe di Vittorio Emanuele II, primo Re d’Italia, e del famoso pittore rinascimentale Raffaello Sanzio, sulla quale potrete leggere il famoso epitaffio scritto dall’amico Bembo: “Qui giace Raffaello: da lui, quando visse, la natura temette d’essere vinta, ora che egli è morto, teme di morire“.
  • Si consiglia poi di andare a vedere la più famosa fontana d’Europa, la Fontana di Trevi. Conosciuta anche come la fontana dei desideri, per via della tradizione che tramanda che lanciando dentro l’acqua due monete ci si assicura di esaudire un proprio desiderio e il fatto di ritornare nuovamente a Roma.
  • Per chi ama i luoghi di culto cristiano ci sono prestigiose Basiliche da vedere: quella di San Pietro in Vaticano, con la cupola di Michelangelo, che si trova al quarto posto della classifica mondiale dei luoghi storici più amati dai turisti; la Basilica di San Giovanni in Laterano, la più importante tra quelle papali; la Basilica Ostiense, seconda come grandezza solo a quella di San Pietro; la Basilica Santa Maria Maggiore.

Estate Romana: il via (in ritardo) delle vacanze

Nonostante una primavera all’insegna del tempo incerto e un mese di giugno che fino a pochi giorni fa ha visto scatenarsi sulla Capitale forti grandinate e temporali che hanno messo in difficoltà la città, le vacanze estive sono finalmente partite.

Sono diversi gli eventi programmati che anche quest’anno accenderanno le vacanze romane. A partire da luglio, ad esempio, sono numerose le visite guidate a disposizione per adulti e bambini: la visita al Monte dei Cocci, quella al Palazzo dei Congressi, alla Cappella Sistina e alla Via Appia Antica.

Ma Roma offre anche tante altre possibilità per i turisti. Se amate il verde potete andare al parco di Villa Borghese per passare una giornata nella natura con la famiglia o gli amici. Si suggerisce poi di andare a vedere il suggestivo Castel Sant’Angelo, vicino al Vaticano, e il famoso mercato di Campo dei Fiori, situato vicino a Piazza Navona che dal lontano 1869 offre banchetti con cibi di tutti i generi, carni, pesci, ma anche banchi di fiori o con merci artigianali e tanti colori che rendono l’atmosfera di questo mercato unica.

Le vacanze Romane anche se con un po’ di ritardo sono partite, non vi resta quindi che fare le valigie e partire per la Città Eterna. Grazie ai due aeroporti cittadini, Ciampino e Fiumicino, raggiungere la città sarà facilissimo. Come spostarsi dall’aeroporto a Roma centro città? con romeairporttransfers-italy.com.

Author: Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *